Ittica NewsSocietà e Cultura

Melon Musk

2 Mins read

Di cosa ci dobbiamo stupire?

Elon Musk è solamente l’ennesimo guru cinico e spietato. La sua ospitata ad Atreju è assolutamente coerente, a parte la differenza di vedute sulla maternità surrogata, con l’azione politica di Giorgia Meloni.

Questo simbolo del capitalismo contemporaneo rappresenta, forse più ancora di Gates, Zucko o Bezos, il refrain liberale dell’imprenditore di successo dietro il quale si cela il solito volgare reazionario arricchito. È pertanto naturale per Musk trovarsi a suo agio alla festa dei giovani post fascisti e incontrare persino quella macchietta vivente del Girasagre.

È da tempo che la retorica liberale del self made man produce paginoni di articoli sdraiati sui giornali padronali, house organ della sinistra benestante. Il risultato è stato uno solo: sdoganare Musk e i suoi simili. Per Stampubblica, come per il Corriere e altri sedicenti quotidiani progressisti, la novità va di pari passo con la modernità, dunque è sempre di “sinistra”. Diamine, si è visto com’è andata con la globalizzazione!

Più ricchezza per pochi

Secondo un rapporto Oxfam datato 2017 i primi 8 miliardari al mondo possedevano una ricchezza pari a quella della metà più povera della popolazione umana. Mentre altri mega miliardari macinano soldi, parlano solo di soldi e se ne fottono della loro immagine di biechi predatori, Musk ha invece messo in campo un esercito di curatori della sua immagine pubblica, riuscendo spesso ad apparire come l’uomo nuovo del terzo millennio.

Alla convention meloniana, intervistato dal “maitre a penser” del giornalismo da lecca destrorso, Nicola Porro, Musk ha snocciolato uno ad uno i “fondamentali” del suo pensiero.

Un esercito di schiavi

Primo: “Credo che sia importante avere bambini e creare nuove generazioni. Sembra banale dirlo, ma i tassi di natalità sono ogni anno più deludenti”.

“Live long and prosper”, ma non sono Mr.Spock

Secondo: “Io auguro la prosperità a tutti i Paesi. Ma se volessi aprire un’azienda in questo paese, ci saranno abbastanza persone che ci possono lavorare?”. 

Ambiente è bello, ma se riesco a terraformare Marte e a fare i bagagli…

Terzo: “Io sono un ambientalista. Credo però che il cambiamento climatico non sia, nel breve termine, una minaccia così grande. Non si può fare a meno, nell’immediato, di petrolio combustibili fossili. Ci vorrà tempo per la piena sostenibilità, ma penso che la perdita di speranza per il futuro sia sbagliata”.

Giovanni Gentile da Pretoria

Congedandosi dalla platea in orgasmo, Musk ha pure azzardato la sua massima filosofica: “Siamo gli unici esseri viventi dotati di coscienza in questa galassia. Viva l’umanità“. Sarà per questo motivo che, qualche attimo dopo, si concedeva al rito del selfie accanto all’esempio più fulgido di coscienza del nostro paese. A quel punto quelli di Atreju sono sembrati fenomeni dell’intelletto.

🌹🏴‍☠️

 

 

 

290 posts

About author
Esimio "signor nessuno", anarcoinsurrezionalista del tastierino, Scienze politiche all'Università, ottico optometrista per campare. Se proprio devo riconoscermi in qualcuno, scelgo De André. Ciclista da sempre, mi piacciono le strade in salita. Ci si vede in cima.
Articles
Related posts
Ittica NewsStorie Diverse

Rigorismo, modellismo, neoliberismo

2 Mins read
Alla notizia della probabile nomina di Mark Rutte a segretario generale della Nato avrei voluto scrivere di una malattia dell’Europa, il rigorismo…
Ittica NewsSocietà e Cultura

I lavori che gli italiani non vogliono più fare

1 Mins read
Satnam Singh aveva 31 anni. Stando a quanto si legge sui giornali, Satnam era arrivato in Italia tre anni fa con sua…
Ittica Newspolitica italiana

Bubusettete!

1 Mins read
Approfittando del favore delle tenebre e della storicamente conclamata insipienza delle opposizioni, la maggioranza post fascista, legaiola e berluschina ha  approvato due…
Entra nella Ittica Community

Non perderti i contributi dei nostri autori e rimani aggiornato sulle iniziative ittiche!