Ittica Newspolitica italianaRivoluzione CulturaleSocietà e Cultura

I vestiti non significano nulla, finché le persone non iniziano a usarli come bandiera

1 Mins read

Mezza Europa è in sciopero.

Prima il Regno Unito, poi la Francia e ora la Germania scendono in piazza. Le motivazioni sono tutte legate alla precarizzazione del lavoro, ai salari da schifo e alle pensioni che diventano miraggi.

In Italia invece i giornaloni padronali e la sinistra rosa chemical parlano sottovoce di tutto ciò che rischia di svegliarci dal “sogno” neoliberista. Figurarsi poi l’andare a pensare che il governo Meloni possieda una parvenza di destra sociale, tutto preso com’è a farsi dettare l’agenda Draghi dall’Europa, istruzioni sulla WWIII comprese.

Le lunghe e ripetute contestazioni in Gran Bretagna sono passate sotto traccia. Si è detto qualche cosa della Francia e vedremo per la Germania. Da noi il tema bipartisan per sviare il discorso dai dieci milioni di poveri presenti nel Paese è la maternità surrogata.

Simpatici tutti, davvero! Non sia mai che anche in Italia si scopra la potenzialità di uno sciopero che unisca i lavoratori e che superi la durata di un giorno o che non sia il classico venerdì da agganciare ad un weekend arcobaleno a Roma.

Intanto i lavoratori della GKN hanno manifestato a Firenze senza alcuna copertura mediatica. Però possono sempre sperare di affittare un utero per soddisfare il desiderio di essere genitori. Povericomelammerda, ma vuoi mettere la gioia di crescere un figlio tra cassa integrazione, quando dice bene, e la nuova “Misura di Inclusione Attiva”, ossia il RdC “rimodulato” targato Meloni?

In Italia si vive ogni giorno sul filo del paradosso.

Chi fino a ieri tuonava contro l’agenda Draghi, ora governa applicandola un po’ ad cazzum una pagina alla volta. Chi sta all’opposizione, la fa al suo stesso programma. In mezzo il paese reale, sempre più povero e sfiduciato.

Insomma, dando uno sguardo a destra e a manca, non si può fare a meno di notare, in punta di sarcasmo, come si conduca una vita felice vaneggiando di globi terracquei nella stessa misura in cui ci si cala dalla comfort zone della ZTL a tuonare sì di povertà, purché sia quella degli altri.

Siamo un paese di specchi. O, se preferite, un sogno in tailleur giacca e pantalone.

🌹🏴‍☠️🩷🖤

 

 

286 posts

About author
Esimio "signor nessuno", anarcoinsurrezionalista del tastierino, Scienze politiche all'Università, ottico optometrista per campare. Se proprio devo riconoscermi in qualcuno, scelgo De André. Ciclista da sempre, mi piacciono le strade in salita. Ci si vede in cima.
Articles
Related posts
elezioniEuropaGeopoliticaIttica Newsventi di guerra

🚧 Lavori in corso 🛑

2 Mins read
Ora voglio proprio vedere Le Pen o la neonazi crucca Weidel prendere orgogliosamente e decisamente le distanze dall’atlantismo bellicista! L’impressione è che…
elezioniIttica Newspolitica italiana

Il modello B

3 Mins read
Gli imbecilli sono talmente tanti che qualsiasi politico, nei suoi programmi elettorali, si rivolge prima a loro. Questa tornata europea (e regionale…
Ittica Newspolitica italianaRivoluzione Culturale

Meglio cento giorni da me che uno da Bocchino

1 Mins read
https://www.facebook.com/share/r/aKkLq5PZBRS4cz5S/ Flaiano ebbe a dire che un giorno il fascismo sarebbe stato curato con la psicoanalisi. Ma magari anche con qualche libro…
Entra nella Ittica Community

Non perderti i contributi dei nostri autori e rimani aggiornato sulle iniziative ittiche!