Ittica Newspolitica italianaSocietà e Cultura

Far sclerare i Giorgiaboys è un inizio

2 Mins read

Il bello di @ellyesse è che non l’hanno sentita arrivare e adesso non capiscono un cazzo.

Basta leggere qualsiasi quotidiano destrorso e relativi commenti dei vari Borgonovo, Cerasa, Belpietro, Minzolini, etc per rendersi conto dello stato di confusione in cui versano i Giorgiaboys.

Di questo passo la rivoluzione d’ottobre è cosa fatta.

In realtà non è facile capire se l’abbraccio tra Conte e Schlein, con la benedizione di “Papa” Landini, segna il tramonto della liberaldemocrazia e l’alba della socialdemocrazia rosé, un po’ sardina e un po’ rosa chemical.

Per ora abbiamo slogan e magliette. E anche la richiesta di dimissioni di Piantedosi.

A Torino siamo soliti dire: “Pitòst che gnente a l’é mej pitòst”. Sono portato a credere che questo tentativo di ricucire prima e seconda società – oh, è sempre Asor Rosa! – sarà cruciale per fare in modo che Libero, Il Giornale e La Verità tornino ad essere materiale per copricapi da decoratore o ruvidi accessori per nettoyage del tafanario nei cessi con i piedoni.

Al netto del solito sarcasmo nichilista, se cerchiamo di approfondire con la limitatezza dei nostri strumenti culturali, scopriamo che per gli studiosi del mercato del lavoro la frattura non era esattamente quella politica messa a fuoco da Asor Rosa, ma quella, soprattutto economica, fra le fasce forti e le fasce deboli dalla popolazione: da una parte i lavoratori, soprattutto maschi adulti, dall’altra i giovani, le donne e gli anziani, tendenzialmente esclusi dal mercato del lavoro in quanto meno produttivi.

Poco per volta anche la letteratura sul mercato del lavoro ha preso una piega un po’ diversa. Più che di esclusione, si è incominciato a parlare di precarizzazione, contrapponendo agli occupati garantiti, insediati in posti di lavoro sicuri (perlopiù pubblici), a tempo pieno e tutelati dai sindacati, il mondo sempre più diffuso delle occupazioni a termine, prive di tutele e di stabilità, tipicamente riservate ai giovani, alle donne, ma anche ad una parte di quaranta/cinquantenni “studiati” e non, ma ritenuti i primi troppo onerosi per aziende con l’ossessione del taglio dei costi e i secondi rimpiazzabili da un pc o da un macchinario.

La “seconda società”, nel giro di un quarto di secolo ha così cambiato pelle: da società degli esclusi, con il passare dei decenni è diventata la società dei precari.

È venuto il momento di prendere atto che, per come si è e/involuta l’Italia in questi anni, di società non ne convivono più due ma tre.

C’è la “prima società”, che qualcuno ha definito “società delle garanzie”, fatta di dipendenti pubblici inamovibili e di occupati nelle grandi fabbriche (quelle che restano) o in aziende ad alto contenuto di knowhow, tutelati dai sindacati e dagli ammortizzatori sociali.

C’è poi la “seconda società”, o società del rischio, fatta di partite Iva, piccoli imprenditori e loro dipendenti, artigiani, tutti più o meno precari, accomunati dall’esposizione alle turbolenze del mercato e dai capricci della finanza.

E c’è, infine, la “terza società”, o società degli esclusi, fatta di lavoratori in nero, immigrati ma non solo, disoccupati giovani e meno giovani, in perenne ricerca di un’occupazione e lavoratori scoraggiati che hanno perso definitivamente la speranza di sfamare la propria famiglia.

A questi ultimi come risponderà la ritrovata “saldatura” politica tra Schlein, Conte e CGIL?

Suggerisco i popcorn, purché siano quelli del Lidl.

🌹🏴‍☠️🍿

209 posts

About author
Esimio "signor nessuno", anarcoinsurrezionalista del tastierino, Scienze politiche all'Università, ottico optometrista per campare. Se proprio devo riconoscermi in qualcuno, scelgo De André. Ciclista da sempre, mi piacciono le strade in salita. Ci si vede in cima.
Articles
Related posts
Ittica Newspolitica italianaSocietà e Cultura

Gli italiani sono il popolo più governabile del mondo: adorano ascoltare grandi discorsi per accontentarsi di fatti piccoli

2 Mins read
Dopo la passerella tanto ruffiana quanto inutile della coppia Meloni-von der Leyen a Lampedusa e quella di doppio misto Le Pen-Girasagre sul…
elezioniEuropaIttica Newspolitica italianaRivoluzione CulturaleSocietà e Cultura

Si parte!

3 Mins read
Ieri è iniziata la campagna elettorale di Meloni e del Girasagre in vista delle elezioni europee. Di gran lunga migliore è stata…
EuropaIttica Newspolitica italianaSocietà e Cultura

Legarsi a von der Leyen o fare la guerra? Le elezioni europee come le colonne d'Ercole del governo Meloni

4 Mins read
Durante la visita lampo in Ungheria Meloni ha rievocato i bei momenti in cui, con gli occhi fuori dalle orbite e quell’aria…
Entra nella Ittica Community

Non perderti i contributi dei nostri autori e rimani aggiornato sulle iniziative ittiche!