Ittica NewsStorie Diverse

Universal middle class

1 Mins read

Cate Blanchett è sicuramente una delle più grandi attrici della sua generazione ed è anche una delle mie preferite. L’ho apprezzata davvero molto in “The aviator”, film per il quale ha vinto un Oscar interpretando un’altra dea, Katharine Hepburn, e in “Blue Jasmine”, ancora un Oscar.

Tuttavia le sue interpretazioni piu intriganti sono state, a mio modesto parere, la villain Hela in “Thor: Ragnarok” e la cinica anchor woman Brie Levantee nel visionario “Don’t look up”.

Cate è anche un’attivista dei diritti civili e un’ambientalista. È ambasciatrice di buona volontà dell’ONG di sviluppo SolarAid e ha più volte collaborato con l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), di cui è diventata ambasciatrice nel  2016, al ritorno da una missione in un campo profughi in Giordania.

Cate si è detta recentemente orgogliosa di appartenere alla classe media e di avere cambiato totalmente la sua prospettiva sul mondo grazie alle molteplici interazioni con i rifugiati delle guerre.

Cate ha da tempo messo al sicuro le sue rivendicazioni economiche e sociali. Il suo patrimonio netto è stimato in 100 milioni di dollari (fonte Celebrity Net Worth). Lei e il marito, lo sceneggiatore e drammaturgo Andrew Upton, possiedono anche svariate proprietà immobiliari in diversi paesi.

Io non so se vi sia una quota di capitale/possedimenti minimi che definisca automaticamente, Cate e me, come appartenenti alla classe media. Sicuramente io sono tanticchio più “lower” e lei decisamente più “upper”, ma sono comunque felice di sapere di avere la possibilità di frequentare gli stessi posti e di poterla incontrare un giorno in qualche pizzeria di New York, Londra o, perché no, dal kebabbaro in Barriera. O di vedermela entrare dalla porta in quel di Torino per farsi misurare la vista.

Grazie Cate. Fino ad oggi mi ero pensato più affine a Pino Insegno.

Infinitely yours,
Mark “Roy Batty” Covertain

🏴‍☠️🌹❤️

 

290 posts

About author
Esimio "signor nessuno", anarcoinsurrezionalista del tastierino, Scienze politiche all'Università, ottico optometrista per campare. Se proprio devo riconoscermi in qualcuno, scelgo De André. Ciclista da sempre, mi piacciono le strade in salita. Ci si vede in cima.
Articles
Related posts
Ittica NewsStorie Diverse

Rigorismo, modellismo, neoliberismo

2 Mins read
Alla notizia della probabile nomina di Mark Rutte a segretario generale della Nato avrei voluto scrivere di una malattia dell’Europa, il rigorismo…
Ittica NewsSocietà e Cultura

I lavori che gli italiani non vogliono più fare

1 Mins read
Satnam Singh aveva 31 anni. Stando a quanto si legge sui giornali, Satnam era arrivato in Italia tre anni fa con sua…
Ittica Newspolitica italiana

Bubusettete!

1 Mins read
Approfittando del favore delle tenebre e della storicamente conclamata insipienza delle opposizioni, la maggioranza post fascista, legaiola e berluschina ha  approvato due…
Entra nella Ittica Community

Non perderti i contributi dei nostri autori e rimani aggiornato sulle iniziative ittiche!