Ittica Newspolitica italianaSocietà e Cultura

Molti hanno paura del vuoto. Io ho paura del pieno.

1 Mins read

Mentre il governo sbanda sulle accise, arrivando a giustificarne la reintroduzione con un paradosso irricevibile (“fanno bene ai poveri”), le opposizioni segnano il passo.

Il PD pare unicamente interessato al surreale dibattito sulle regole che ha come risultato quello di produrre gli spassosi siparietti satirici di Crozza/Letta. I 5*, avendo annusato l’aria di morte politica del loro alleato/competitor, paiono impegnati nei distinguo reciproci in vista della Caporetto delle elezioni regionali.

Peccato davvero! L’assist di Meloni&co. sarebbe stata un’occasione unica per  capitalizzare un primo risultato politico importante, ma Letta e Conte sono divisi e parlano d’altro.

Il dibattito politico nel nostro Paese è a un livello così basso che nessuno affronta un  problema con l’intento di trovare una soluzione, ma tutti scelgono di crogiolarsi in polemiche inconcludenti – le accise sono solo un esempio – che non portano mai a un cambio di passo in direzione di una politica capace di dare risposte ai temi STRUTTURALI.

Il nostro è il paese dei politici che vivono alla giornata, senza alcuna visione prospettica e progettuale: una compagine bipartisan di arruffoni, parolai, banderuole, cialtroni e azzeccagarbugli, sempre più spesso smaccatamente e impunemente disonesti, concentrati unicamente sul presente, il loro.

Serve a poco accapigliarsi sulla mancata proroga di un provvedimento scaduto. Certo può essere stigmatizzata la scelta di non prorogare, ma dovrebbe essere pure chiaro a tutti come questa sia una scelta assolutamente legittima e che NON prorogare un provvedimento di natura temporanea dovrebbe essere la normalità.

Il provvedimento a scadenza è infatti un provvedimento di carattere EMERGENZIALE adottato per fronteggiare una situazione in un dato momento. Si tratta dunque di prendere tempo, mettendo una ponza, per avere la possibilità (e l’acume) di elaborare un provvedimento di natura strutturale.

In Italia invece il provvisorio diventa eterno e l’anomalia si fa regola.

🌹🏴‍☠️

 

281 posts

About author
Esimio "signor nessuno", anarcoinsurrezionalista del tastierino, Scienze politiche all'Università, ottico optometrista per campare. Se proprio devo riconoscermi in qualcuno, scelgo De André. Ciclista da sempre, mi piacciono le strade in salita. Ci si vede in cima.
Articles
Related posts
Ittica NewsSocietà e Cultura

Cottarellismo vs melonismo: l'ennesima "trasformazione" italiana

2 Mins read
Siamo un paese senza cultura e senza memoria storica. “Sulla scheda scrivete solo Giorgia” ha recentemente sollevato l’ennesima polemica. Questa volta il…
elezioniIttica News

La libertà in politica è scegliere, ma la felicità è essere scelti

2 Mins read
Manca meno di un mese alle elezioni e l’ansia da prestazione sale. Stante il fatto che in Regione non voterò nessun candidato…
Ittica Newspolitica italianaSocietà e Cultura

La faccia come il chiulo parte II

2 Mins read
In Italia è in atto una svolta illiberale. Il governo Meloni, supportato dal caravanserraglio di nostalgici, rosiconi, binari e fallocefali che lo ha…
Entra nella Ittica Community

Non perderti i contributi dei nostri autori e rimani aggiornato sulle iniziative ittiche!